ECU: SIAMO SEMPRE DI PIU’ – La nostra associazione cresce

Man mano che il tempo passa, ECU si ingrandisce.
Oggi l’associazione conta 15 Paesi della Comunità Europea. Siamo molto contenti dei risultati ottenuto e speriamo di riuscire a raggiungere tutti gli obiettivi che ci siamo dati per gli anni a venire.
Il 2018 è alle porte e i progetti da realizzare sono davvero tanti, così come tanti sono i bandi europei
a cui parteciperemo.
Qualche anticipazione?
– L’attivazione dei nostri Dipartimenti, quello sul Cibo, quello Giuridico e altri ancora;
– L’ Assemblea Generale, prevista per l’autunno, probabilmente a Parigi;
– Una ricerca europea su un importante tema del consumerismo;
– L’attivazione del Corso di Alta Formazione Giuridica, chissà … magari non solo più nella versione italiana;
– La traduzione del sito nelle lingue dei membri dell’associazione. Siamo in 15, non sarà cosa da poco da realizzare,
ma l’idea di avere un sito tradotto in tantissime lingue ci farà superare ogni difficoltà.
Che ne dite? C’è molto lavoro da fare in effetti.
Man mano che ECU diventa più grande anche le attività e la voglia di realizzare i nostri sogni aumentano.
Le associazioni di ECU sono molto attive, tutte presenti sui loro territori con sportelli di assistenza e
orientamento per i consumatori.
Volete l’elenco? Eccolo:
-Union of Insured Person in Bulgaria
-Association of Croatian Consumers
-Cyprus Consumers Union & Quality of life
-SOS Association for Consumer Protection in Moravia and Silesia
-House of Consumers Cooperation (Estonia)
-Indecosa CGT (Francia)
-Enosi Ergazomenon Katanaloton Elladas (Greece)
-FEBESZ (Ungheria)
-Cittadinanzattiva, Federconsumatori, Federconsumatori Piemonte, Movimento Consumatori (Italia)
-Consumer Rights Protection Center, NGO Saugok save (Lituania)
-Association for Consumer rights (Malta)
-InfoCons Association (Romania)
-Association of Consumer Organizations in Slovakia
-FACUA – Consumidores en Accion
-Konsument Forum (Svezia)

Speriamo di riuscire a farci conoscere non solo dalle altre associazioni ma anche direttamente dai consumatori che spesso non sono nemmeno a conoscenza del grande lavoro che si fa per ottenere il rispetto dei diritti e delle leggi e per fare pubblicare leggi e regolamenti che davvero percorrano la strada dei diritti dei consumatori.



Il nuovo Comitato Direttivo di ECU – Il rinnovamento dell’associazione passa attraverso le elezioni

Il Comitato Direttivo è elemento fondamentale per il buon esito dell’attività e per la vita associativa. Per questo motivo, dopo molti anni dalla sua nascita, ECU ha realizzato un grande lavoro di aggiornamento e di rinnovamento e ha eletto il nuovo Comitato Direttivo.

Nello scorso mese di maggio, a Bruxelles si sono incontrate molte delle associazioni aderenti ad ECU per realizzare l’Assemblea Generale finalizzata ad apportare alcuni cambiamenti volti a rendere l’associazione sempre più attiva e aggiornata. Tra questi non poteva mancare l’aggiornamento del Comitato Direttivo!

ECU ha visto: un passaggio alla Presidenza, una conferma per quando riguarda la Tesoreria, l’istituzione della figura del Segretario Generale, un allargamento delle Vice Presidenze e l’istituzione dello Staff di Presidenza. Tra le news spicca l’elezione del Presidente Onorario.

Il Direttivo è così composto:

Presidente:  Sergio Veroli, già Vice Presidente  – Segretario Organizzativo  e attuale responsabile dei settori Trasporti e Salute della Federconsumatori nazionale

Vice Presidenti:

Bozena Stasenkova, past President di Ecu, Presidente di Association of Consumer Organizations in Slovakia, full member di ECCG (European Consumer Consultative Group)

Guy Beauné, già Vice Presidente di Ecu, Presidente dell’associazione Indecosa, Francia

Igor Vujovic, Presidente di Association Croatian Consumer, Full member di ECCG (European Consumer Consultative Group)

Segretario GeneraleMariano Votta, ‎Responsabile Politiche Europee presso Cittadinanzattiva, full member di ECCG (European Consumer Consultative Group)

Tesoriere: Giovanni Dei Giudici, già Tesoriere di ECU,  Presidente Federconsumatori Piemonte

Presidente Onorario: Ugo Mattei È professore di diritto internazionale comparato all’Hastings College of the Law dell’ Univeristà della California a San Francisco, presso cui ricopre la cattedra di Alfred and Hanna Fromm Professor of International and Comparative Law. E’ professore di  diritto civile all’Università di Torino. È coordinatore accademico dell’International University College of Turin.  L’attività scientifica di Ugo Mattei si è specializzata a studio e definizione dei “Beni comuni”.

Nuovo direttivo ECU

 

 

Le crisi bancarie: cause, conseguenze, strumenti di tutela della clientela e dei soci

Seminario 11 aprile 2017

Le crisi bancarie: cause, conseguenze, strumenti di tutela della clientela e dei soci

Programma

  • 15.00-15.15 Introduzione
    Dott. Giovanni Dei Giudici – Coordinatore ECU – European Consumers Union
  • 15.15-15.30 Saluti
    Dott.ssa Mara Bedin – Presidente Provinciale Federconsumatori Padova
  • 15.30 – 16.15 I fattori determinanti le crisi bancarie e linee di condotta seguite dal legislatore e dalle
    autorità di vigilanza Prof. Alberto Urbani – Professore Associato di Diritto dell’economia nell’Università Ca’ Foscari Venezia, Dipartimento di Economia
  • 16.15-17.00 – La genesi dei casi Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza e possibili rimedi.
    Avv. Barbara Puschiasis – Presidente della Consulta giuridica Federconsumatori nazionale e
    Federconsumatori Friuli-Venezia Giulia
  • 17.00-17.45 – L’ennesimo default bancario ai danni dei consumatori. Analisi e confronto.
    Dott. Sergio Veroli – Vice Presidente Nazionale Federconsumatori
  • 17.45-18.00 Conclusioni Prof. Alberto Urbani

Durante l’incontro verrà presentato il corso di Alta Formazione “Guidare il conflitto nella tutela del consumatore: competenze e strumenti per il Professionista
E’ stato richiesto l’accreditamento ai fini della formazione continua all’Ordine degli Avvocati di
Padova.

SAVE THE DATE

11 aprile 2017
dalle 15.00 alle 18.00
PADOVA – sede da definire
La partecipazione al Seminario è gratuita. Per iscriversi è sufficiente completare il form di iscrizione on
line all’interno della scheda web.
Informazioni
Per maggiori informazioni relative a questa iniziativa è possibile contattare la segreteria organizzativa di
Challenge School.
Ca’ Foscari Challenge School
Segreteria Organizzativa
tel. 041 234 6958/6853/6858
(dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00)
fax 041 234 6801
corsi.challengeschool@unive.it
ca cafoscarichallengeschool

Unisciti a noi: diamo forza ai consumatori in Europa

Stiamo lavorando per la crescita di ECU e il nostro obiettivo è quello di aggiungere almeno un’associazione per ogni Stato membro della Comunità europea.

Lo scopo principale dell’associazione è quello di partecipare attivamente alla politica europea in materia di consumerismo: più siamo, più persone rappresentiamo, più il nostro apporto può essere incisivo

Conosci ECU?  Hai già ricevuto la nostra lettera di presentazione?  Vuoi unirti a noi?

Manda una e mail a: europa.consumatori@gmail.com

roke-by-european-commission_t_5

Corso tutela del consumatore. Codice del consumo e mercato europeo

International University College of Turin ed Ecu organizzano un corso per 30 laureati che formerà professionisti del diritto dei consumi che ne conoscano normativa, strumenti, regole e procedure in modo da soddisfare le esigenze dei consumatori, del mondo delle imprese e delle pubbliche amministrazioni.

Il corso Tutela del consumatore, codice del consumo e mercato europeo verrà presentato il 29 gennaio in occasione del convegno “Class action in Italia e in Europa”. Le lezioni si svolgeranno il Venerdì dalle ore 16.30 alle ore 20.30 ed il Sabato dalle ore 9.00 alle 13.00 presso la sede dello IUC, International University College of Turin, sita in Torino, Piazza Carlo Felice n. 18, con inizio il 29 gennaio 2016 e termine il 7 maggio 2016.

 

Volkswagen

Affaire Volkswagen: e i diritti dei consumatori?

“In questi giorni siamo letteralmente subissati dalle richieste di aiuto dei cittadini che temono di essere coinvolti nella vicenda Volkswagen.” – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef.

Chi ha acquistato o prenotato uno dei modelli in questione sta manifestando ora tutta la propria preoccupazione. I cittadini chiedono informazioni precise e dettagliate: quante auto dalle emissioni “truccate” sono state distribuite in Italia e dove. Per questo deve essere priorità del Governo accelerare le verifiche ed i controlli in tal senso, per dare delle certezza da cui partire per poter tutelare diritti e interessi dei consumatori. Un’operazione che deve essere coordinata e armonizzata a livello europeo, in modo da intraprendere azioni severe in tutta l’Unione.

Per questo, attraverso l’associazione dei consumatori europea ECU, a cui aderiamo e della quale siamo promotori, siamo in contatto con le associazioni degli altri paesi per definire un intervento comune. I problemi non riguardano solo la conformità del prodotto, ma anche le pratiche commerciali scorrette dovute alla probabile pubblicità ingannevole, senza parlare della questione dei consumi. Per quanto riguarda il nostro Paese è indispensabile, inoltre, mettere all’ordine del giorno, con la massima urgenza, l’entrata in vigore della nuova class action già approvata dalla Camera. Uno strumento indispensabile per tutelare in maniera efficace ed incisiva i cittadini coinvolti e per far ottenere loro i dovuti rimborsi. Se qualcuno preferisce avviare la class action negli Stati Uniti faccia pure… noi vogliamo farla in Italia, con una normativa adeguata ed indispensabile.

Foto del maggiolino via Flickr