ECU firma l’appello per chiedere alla Presidenza francese del Consiglio dell’UE un sostegno concreto alla rete delle Associazioni dei Consumatori in Europa

Il Presidente di ECU, Sergio Veroli, ha sottoscritto l’appello che, in occasione del semestre francese di Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea, verrà trasmesso al Presidente Emmanuel Macron per chiedere l’adozione di misure concrete a favore delle Associazioni dei Consumatori nell’UE.

La Commissione Europea, il Parlamento e il Consiglio stanno lavorando da mesi al “New Deal” per i consumatori nonché sul Digital Markets Act e sul Digital Services Act, focalizzandosi sulla digitalizzazione e sui necessari adeguamenti normativi. L’esclusione digitale resta un problema rilevante nell’Unione e nel territorio comunitario è ancora elevata la percentuale di utenti che non sono in grado di utilizzare strumenti tecnologici digitali. Il ruolo delle Associazioni dei Consumatori a supporto dei cittadini risulta pertanto cruciale in un quadro in cui tali lacune sono riconducibili in parte ad una difficoltà di diffusione delle informazioni sulla digitalizzazione e in parte sulla scarsa conoscenza degli strumenti in questione e hanno quindi necessità di un sostegno concreto. A ciò si aggiunge un livello di inflazione che costringe una percentuale considerevole di cittadini degli Stati membri ad acquistare prodotti di bassa qualità, con conseguenze negative sul fronte della sicurezza, della salute e dell’impatto ambientale. Al momento, nonostante le dichiarazioni formali, la Presidenza francese non ha assunto iniziative per il salario minimo europeo né per supportare l’azione delle Associazioni, quindi ECU chiede che le istituzioni comunitarie mettano in campo interventi concreti in questa direzione.

Scarica la lettera

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.